Omni calculator
Ultimo aggiornamento:

Calcolatore per la Pizza Perfetta

Indice

La fisica della cottura di una buona pizzaForni a legna vs. forni elettriciQuando è l'orario migliore per andare in pizzeria?Storia prima della pizzaL'invenzione della pizzaIl sorprendente caso dei pomodori estremamente assassiniLa pizza conquista il mondoFAQ

La pizza è uno dei piatti italiani più conosciuti, se non il più conosciuto, servito in tutto il mondo. Dato che è così famosa, un gruppo di fisici statunitensi e italiani ha accettato la sfida di descrivere il processo di cottura della pizza perfetta utilizzando la termodinamica. E ci sono riusciti! Inoltre, i loro risultati sono stati confermati da pizzaioli romani che conoscono ogni segreto dell'arte della cottura della pizza. Abbiamo trasformato questo studio nel nostro calcolatore per la cottura della pizza perfetta. Ora puoi valutare da solo il tempo di cottura della tua pizza. Prova!

La fisica della cottura di una buona pizza

Non molto tempo fa, abbiamo creato il calcolatore per il pancake perfetto 🇺🇸, in cui ti abbiamo raccontato come gli specialisti hanno utilizzato i pancake per comprendere meglio le malattie degli occhi. Ora è il momento di preparare una pizza con gli scienziati!

Nel 2018, un gruppo di fisici del Consiglio Nazionale delle Ricerche di Roma ha collaborato con l'Argonne National Laboratory dell'Università di Northern Illinois negli Stati Uniti per analizzare e confrontare i diversi modi di cuocere una pizza in due forni diversi: a legna (a mattoni) e metallico moderno (elettrico).

Nel loro articolo, ad accesso libero, è riportata un'equazione piuttosto complicata (fortunatamente basata solo su alcuni principi termodinamici di base). Hanno scoperto che per stimare il tempo appropriato τ per riscaldare una pizza di spessore d, è necessario risolvere la seguente equazione:

a₁ × τ + a₂ × √τ = a₃ × d,

dove:

  • a₁ — Parte della radiazione termica del trasferimento di calore;
  • a₂ — Parte di conduzione del trasferimento di calore; e
  • a₃ — Si riferisce alla quantità di calore necessaria per aumentare la temperatura dell'impasto e far evaporare l'acqua.

Per chi non ha familiarità con la termodinamica, esistono tre modalità fondamentali di trasferimento del calore nei solidi: conduzione, irraggiamento e convezione. In questo caso, i fisici hanno ignorato la convezione, supponendo che abbia un effetto minimo sul tempo di cottura.

Potresti chiederti, questa formula funziona veramente? In realtà, sì! E fornisce anche risultati precisi. Per testare l'equazione, gli scienziati hanno consultato i veri pizzaioli di Roma, esperti nella cottura delle pizze. Hanno spiegato che alla temperatura ottimale di 325-330 °C (617-626 °F) in un forno a legna, una pizza dovrebbe essere cotta in due minuti. Se sei affamato, puoi aumentare la temperatura a 390 °C (734 °F) e ridurre il tempo a un minuto e mezzo. Non esitare a verificarlo con il nostro calcolatore per la pizza perfetta! Supponi che una pizza romana tradizionale abbia uno spessore di circa 0,5 cm.

Ecco un consiglio utile — aggiungi del lievito per far lievitare l'impasto della pizza! Questo renderà l'impasto più morbido e malleabile!

Processi di trasferimento del calore

Forni a legna vs. forni elettrici

Nella sezione precedente abbiamo parlato soprattutto di forni a legna. Ma che dire dei moderni forni elettrici? Puoi utilizzare il calcolatore per la pizza perfetta anche in questo caso? Poiché si applicano gli stessi principi fisici, la risposta è sì, ma devi tenere presente che c'è una differenza principale. Nei forni elettrici, la superficie di cottura è realizzata in acciaio, che ha una conduttività termica molto più elevata rispetto al mattone refrattario. Per questo motivo, il fondo della pizza si riscalda molto più velocemente, aumentando il rischio di bruciatura. Non vorrai certo mangiare carbone!

Tuttavia, puoi comunque cuocere la pizza come un vero pizzaiolo con un forno elettrico! Questi semplici trucchi possono fare al caso tuo:

  1. La temperatura dello strato di crosta tra la pizza e la superficie di cottura deve essere di circa 210 °C (410 °F). Per ottenere questo risultato in un forno di metallo, devi impostare la temperatura a circa 230 °C (446 °F);

  2. Per simulare un classico forno in muratura a casa tua, puoi inserire una speciale pietra di ceramica in un forno moderno (vedi foto sotto);

  3. Usa la modalità a convezione se il tuo forno ne è dotato. Un forno a convezione è dotato di una ventola che aiuta a soffiare l'aria calda sulla superficie della pizza, cuocendo i condimenti in modo uniforme; e

  4. Se la tua pizza ha molti condimenti ricchi d'acqua (ad esempio le verdure), cuocila prima normalmente nel forno. Poi, quando il fondo è pronto, sollevalo con una spatola e tienilo per altri 30 secondi per evitare che la base si bruci e ottenere condimenti ben cotti.

Se non hai abbastanza pazienza in cucina, prendi in considerazione l'idea di ordinare delle pizze. Quante? Lascia che il nostro calcolatore per la festa con le pizze 🇺🇸 ti aiuti! Ma prima di chiamare il ristorante, ricordati di controllare quale dimensione della pizza 🇺🇸 è più conveniente.

Pietra per la cottura della pizza

Quando è l'orario migliore per andare in pizzeria?

Esiste un momento migliore per andare in pizzeria? In realtà c'è. Stai per scoprire il secreto dei pizzaioli professionisti. Devi controllare l'orario di lavoro della tua pizzeria preferita e vedere quando c'è la maggiore affluenza di persone. Devi assolutamente evitare questo periodo! Il motivo è l'efficienza del forno per la pizza — ha una capacità limitata, quindi può cuocere solo un numero fisso di pizze alla volta. Dovresti cuocere una pizza romana per circa due minuti a una temperatura di 325-330 °C (617-626 ℉). Quindi, se il forno può ospitare solo due pizze, i pizzaioli potranno preparare al massimo dieci pizze in 10 minuti.

Quando ci sono molte persone da servire, questo ritmo potrebbe essere insufficiente. Di fronte a condizioni del genere, alcuni pizzaioli utilizzano un semplice trucco per aumentare la velocità di produzione. Aumentano la temperatura del forno. In questo modo, ci vuole meno tempo per cuocere una pizza. Purtroppo, però, ci sono degli svantaggi. La crosta e il fondo possono risultare un po' troppo cotti (neri). A sua volta, il pomodoro può risultare poco cotto. Come può una pizza fatta in questo modo soddisfare il gusto di mangiatori professionisti di pizza come noi?!

In sintesi, dovresti andare in pizzeria quando sono semivuote. In questo modo ti assicurerai una pizza perfettamente cotta. E non dimenticare di lasciare una mancia se la pizza ti è piaciuta! Il nostro calcolatore per la mancia 🇺🇸 può esserti di grande aiuto per dividere equamente il conto se non sei con i tuoi amici.

Storia prima della pizza

La pizza ha una storia molto lunga e ricca. A causa della sua diffusione e popolarità in tutto il mondo, le sue origini rimangono coperte da un velo di mistero e leggenda.

Il primo alimento in qualche modo simile alla pizza era una semplice focaccia fatta a farina di grano duro. I nostri antenati la cuocevano su una roccia riscaldata dal fuoco durante il Neolitico, l'ultimo periodo dell'Età della Pietra.

Un ulteriore sviluppo di questa proto-pizza avvenne nell'area del Mediterraneo. In alcuni testi del VI secolo a.C. si legge che i soldati del re persiano Dario I cuocevano focacce con un condimento di formaggio e datteri sopra i loro scudi di battaglia. Gli antichi greci diffusero questo piatto, una focaccia chiamata Plakuntos, in tutto il Mediterraneo, compresa la città di Napoli. I Plakuntos venivano ricoperti con elementi comuni della cucina greca: olio, aglio, cipolle, erbe, carne macinata e piccoli pesci.

Quando Napoli cambiò proprietario e divenne una città romana, i Plakuntos cambiarono nome. I Romani la chiamarono Placenta (in inglese flat-cake — ci chiediamo come mai sia diventato il nome dell'organo che fornisce nutrimento al feto). Virgilio, un famoso poeta romano, scrisse nella sua Eneide (tradotto da Giuseppe Albini):

“Or quando, consumate l'altre cose,
li fece la penuria del mangiare
volgere a la sottil cerere i denti
e con la mano e le mascelle audaci
il rotondo spezzar pane fatale
e non ne risparmiare i larghi quarti,
«Oh! mangiam fin le mense» esclama Ascanio
scherzando, e nulla piú.”

La prima volta che la parola pizza apparve in forma scritta fu in un documento del 997 d.C. Si trattava di una lettera al Vescovo di Napoli con un elenco di donazioni che dovevano essere consegnate regolarmente alla dimora del Vescovo. Tra queste c'erano 12 pizze. Il Vescovo desiderava riceverle ogni giorno di Natale e di Pasqua. Senza dubbio, sapeva come festeggiare come si deve 😉.

L'invenzione della pizza

La pizza, così come la conosciamo oggi, è nata nelle strade di Napoli nel XVIII secolo. All'inizio, era un alimento base dei poveri delle città, in un momento in cui il numero di cittadini napoletani stava aumentando rapidamente. Tutti speravano di trovare una vita migliore in una città con un costante approvvigionamento di beni provenienti dal commercio estero. Purtroppo, solo pochi eletti ci sarebbero riusciti. Gli altri si unirono a un numero crescente di mendicanti o lazzaroni, chiamati così perché il loro aspetto ricordava quello di Lazzaro stesso.

Senza molti soldi e senza un posto dove mangiare correttamente, erano alla costante ricerca di un altro lavoro secondario. La pizza era il cibo perfetto per loro. Era economica e facile da mangiare. Un uomo poteva comprare una fetta da un pizzaiolo e continuare a camminare per la città mangiando.

In quel periodo, i condimenti della pizza includevano: aglio, strutto, sale, basilico, caciocavallo (un formaggio fatto con latte di cavallo), cecenielli (bianchetti) e pomodori.

Il sorprendente caso dei pomodori estremamente assassini

Forse ti sorprenderà, ma i pomodori non sono stati un ingrediente fondamentale della cucina europea per molto tempo. Sono stati portati in Europa dall'America dopo lo scambio colombiano. All'inizio venivano trattati come fiori decorativi. I ricchi avevano paura di mangiarli perché si diceva che fossero velenosi.

La spiegazione più probabile è che ciò sia dovuto ai piatti utilizzati dai nobili, che contenevano grandi quantità di piombo. Il succo acido dei pomodori poteva sciogliere il piombo nel piatto, il che significava che il piombo sarebbe finito nel cibo e avrebbe intossicato la persona che mangiava. I poveri che mangiavano da pentole di legno non avevano questi problemi. Mangiavano volentieri i pomodori a causa del loro basso prezzo e della mancanza di altri prodotti.

La pizza conquista il mondo

A causa delle caratteristiche dei primi "pizzaioli" e del suo condimento al pomodoro "super micidiale", la pizza non era considerata un vero e proprio alimento dalle classi più elevate o dai cuochi. Non era nemmeno menzionata nei primi libri di cucina italiani! Tutto cambiò nel 1889. Poco dopo l'unità d'Italia, il re Umberto I e la regina Margherita arrivarono a Napoli con il desiderio di provare le prelibatezze locali. Un pizzaiolo di nome Raffaele Esposito preparò per loro tre tipi di pizze: una con caciocavallo, strutto e basilico, la seconda con cecenielli e l'ultima con mozzarella, pomodori e basilico.

Probabilmente avrai già indovinato qual era il preferito della Regina 😉 . La Regina Margherita si innamorò del terzo tipo di pizza, che prese il suo nome e che ancora oggi si chiama pizza Margherita. Questo evento stravolse la percezione che tutti avevano della pizza. Dimostrò ai nobili che la pizza era qualcosa che anche la famiglia reale poteva avere sulla propria tavola. Inoltre, la pizza divenne un simbolo della cucina italiana al pari di piatti come la pasta o la polenta.

All'inizio del secolo, gli italiani iniziarono la loro massiccia migrazione verso gli Stati Uniti e così la pizza migrò con loro. Nel 1905, Gennaro Lombardi aprì la prima pizzeria americana. Situata a Manhattan, New York, è ancora aperta oggi! Il ristorante ha cambiato sede, ma utilizza ancora lo stesso forno del 1905! La pizza si è diffusa in tutti gli Stati Uniti e ha guadagnato sempre più popolarità.

Tuttavia, il vero boom arrivò subito dopo la fine della Seconda Guerra Mondiale. I soldati che tornavano a casa, che avevano assaggiato molte pizze durante le campagne in Europa, volevano avere il loro nuovo piatto preferito disponibile in patria. Fortunatamente uno di loro, Ira Nevin, ebbe l'idea di creare un forno a gas per la pizza. Questo forno ridusse i costi di produzione e le difficoltà di preparazione, rendendo la pizza ancora più accessibile.

L'ultimo passo, che ha dato alla pizza il titolo di alimento più iconico del mondo, è stata l'apertura delle catene di pizza. Pizza Hut, Little Caesar's e Domino's furono fondate alla fine degli anni '50. Papa John's si è unito a questo gruppo nel 1989.

FAQ

Come faccio a fare l'impasto per la pizza senza lievito o polvere lievitante?

Per preparare l'impasto della pizza senza lievito e senza polvere da sparo, puoi utilizzare una semplice ricetta con due ingredienti. La pasta per la pizza può essere preparata con la sola farina autolievitante e lo yogurt greco. Per preparare l'impasto, devi:

  1. Mescola in parti uguali la farina e lo yogurt;
  2. Lavorare l'impasto fino a renderlo omogeneo; e
  3. Stendilo, aggiungi i tuoi condimenti e inforna come al solito!

Posso cuocere la pizza su una teglia?

, puoi cuocere la pizza su una teglia. Basta stendere l'impasto della pizza sulla teglia, aggiungere i condimenti e cuocere in forno preriscaldato secondo le istruzioni della ricetta.

Quante calorie ci sono in un trancio di pizza?

Il numero di calorie contenute in un trancio di pizza varia molto in base alle dimensioni, ai condimenti, alla grandezza della crosta e al tipo di pizza. In media, una fetta di pizza al formaggio contiene circa 250-300 calorie, ma può essere molto di più. Controlla la confezione o il menu del ristorante per avere informazioni specifiche sulla tua pizza.

Come faccio a riscaldare la pizza?

Per riscaldare la pizza, puoi utilizzare il forno, il microonde o una padella:

  • Forno — Preriscalda a 175 °C (350 °F), posiziona la pizza su un vassoio e cuoci per circa 5-10 minuti;
  • Microonde — Riscalda su un piatto adatto al microonde per 20-30 secondi per ogni fetta;
  • In padella — Scalda a fuoco basso con un coperchio finché la crosta non diventa croccante.

Prova a spruzzare la pizza con dell'acqua prima di riscaldarla. In questo modo si evita che l'impasto si secchi.

Oven

Dough

According to the pizzaiolos from Rome, the optimal temperature for Roman pizza is 330 °C (626 °F) when baked in a brick oven. For electric ovens with steel surface it should be about 230 °C (446 °F).

The calculator provides viable results for the typical Margarita pizza with tomatoes and mozzarella. In other cases, the more water-rich the toppings, the longer the baking time. Check also our baking tips for the perfect pizza listed in the article.

Remember, your results may vary. The baking time depends on several factors, like the amount of water in the dough and the toppings. We assumed average values, but you and your pizza are anything but average, my dear 😉

Check out 3 similar pizza calculators 🍕
Pizza comparisonPizza partyPizza size