Omni Calculator logo

Da Stipendio a Paga Oraria — Calcolatore per la Busta Paga

Created by Mateusz Mucha, Filip Derma and Tibor Pál, PhD candidate
Reviewed by Bogna Szyk and Jack Bowater
Translated by Rangsimatiti Binda Saichompoo and Sara Naouar
Based on research by
Baye, M. Managerial Economics and Business Strategy; 2009
Last updated: Jan 18, 2024


Il calcolatore per la busta paga ti permette di vedere quanto guadagni in diversi periodi di tempo. Si tratta di uno strumento flessibile che ti permette di convertire il tuo stipendio annuale in una paga oraria, di ricalcolare il stipendio mensile in tariffa oraria, la tariffa settimanale in un stipendio annuale, e molti più. Questo convertitore di stipendio fa tutto in modo semplice e veloce, facendoti risparmiare tempo e fatica. Nell'articolo che segue troverai informazioni sulle fasce di stipendio, un approfondimento sulle tipologie di impiego a ore e annuali, nonché i pro e i contro di ciascuna di esse. Inoltre, qui di seguito troverai una spiegazione passo a passo su come utilizzare questo calcolatore per la busta paga.

Preferisci guardare piuttosto che leggere? Scopri tutto quello che ti serve in 90 secondi con questo video che abbiamo creato per te:

Da stipendio a paga oraria

Cercare un nuovo lavoro è un compito difficile e stressante. Devi cambiare comunità, colleghi, luogo e persino abitudini. Ma un cambio di lavoro può essere essenziale per la tua carriera in un determinato momento. Se affronti e superi queste difficoltà, starai meglio.

Oggi, grazie a Internet, abbiamo accesso a un'enorme quantità di offerte di lavoro a livello globale. Puoi facilmente controllare la tua città, un altro stato, i paesi vicini o addirittura un altro continente per trovare nuove prospettive. Questo potrebbe confondere. Tuttavia, alcuni fattori potrebbero essere decisivi per la tua scelta finale. Per molti di noi, lo stipendio è uno degli aspetti più importanti nella scelta di una posizione lavorativa particolare. Per gli altri, anche se non è l'elemento prioritario, è comunque una delle motivazioni più importanti che ci portano a dire — ok, voglio lavorare qui. Diamo quindi un'occhiata più da vicino a come trarre conclusioni dai numeri. Il tuo futuro datore di lavoro può presentare un'offerta salariale in modi diversi:

  • Paga oraria;
  • Salario giornaliero;
  • Salario settimanale;
  • Salario mensile; e
  • Salario annuale.

In realtà, se considerati nello stesso periodo di tempo, tutti questi valori si sommano allo stesso valore. Tuttavia, quando dai una prima occhiata a diverse offerte di lavoro, in cui lo stipendio viene presentato in vari modi, l'intera questione potrebbe confonderti. Potresti non essere in grado di confrontare facilmente le tariffe. Per avere una visione chiara, devi innanzitutto fare un po' di conti con i numeri. Se hai molte offerte da ricalcolare, ci vorrà molto tempo e se commetti un errore le conseguenze potrebbero essere disastrose. Un modo molto più semplice e chiaro è quello di utilizzare questo calcolatore per la busta paga e avere immediatamente tutti i risultati.

Calcolatore per la busta paga

Questo convertitore da stipendio a ora può farti risparmiare molto tempo e fatica. E il tempo è denaro, giusto? Immagina se non dovessi fare tutti questi calcoli noiosi o confrontare gli stipendi manualmente. Bello, vero? Grazie a noi, è possibile! Ti forniamo un convertitore di stipendi intelligente che ricalcola tutti i tipi di stipendi menzionati nel paragrafo precedente. Le uniche due cose che devi fare sono inserire il numero di ore settimanali che lavori e inserire il valore di un tipo di stipendio, ad esempio quello mensile. I risultati per tutti gli altri tipi di salario verranno mostrati automaticamente. Ottimo!

Inoltre, la valuta appropriata per il tuo paese è già impostata di default. Se vuoi eseguire più calcoli di fila per stipendi diversi, non sarà un problema — ti basterà bloccare il campo delle ore settimanali e non cambierà ogni volta che digiterai un nuovo valore. Inoltre, puoi aprire la modalità avanzata e controllare quanto guadagni per ogni minuto e secondo. Dai un'occhiata anche a questi valori, a volte sono davvero sorprendenti!

In questo convertitore di stipendio abbiamo fatto alcune ipotesi per semplificare i calcoli. Per impostazione predefinita, la settimana è di 40 ore, ma puoi configurarla liberamente in base alle tue esigenze. Un anno è composto da 52 settimane e un mese è 1/12 di un anno.

Come si calcola un compenso orario?

Qui vogliamo spiegarti la matematica che sta alla base dei calcoli. Scopriamo come ottenere il compenso orario in base ad altri salari. Segui l'esempio passo a passo qui sotto per capire tutto correttamente. A tal fine, ipotizziamo alcuni numeri — lo stipendio annuale nel nostro caso è di 45 000 euro e lavoriamo 40 ore a settimana.

  • Salario annuale a compenso orario

(€45 000 all'anno / 52 settimane) / 40 ore settimanali = €21,6 all'ora;

  • Salario mensile a compenso orario

(€4 500 al mese × 12 / 52 settimane) / 40 ore settimanali = €25,9;

  • Stipendio settimanale a compenso orario

€1 300 a settimana / 40 ore a settimana = €32,5 all'ora; e

  • Salario giornaliero a compenso orario

€110 al giorno / 8 ore = €13,75 all'ora.

La fascia salariare

Quando si parla di stipendi in determinate posizioni lavorative, spesso si usa il termine fascia salariale. Cosa significa? In realtà, il significato dipende dal fatto che si tratti di un individuo o dei finanziatori di un'azienda. Dal punto di vista di un dipendente, la fascia salariale include parametri di stipendio, come gli straordinari, oltre a includere benefici, come l'auto aziendale o l'assicurazione sanitaria. Per l'azienda, invece, si tratta dell'importo che è in grado di pagare un nuovo dipendente per una determinata posizione e di quanto i dipendenti attuali possono aspettarsi di guadagnare in quella specifica posizione. Di solito le aziende non possono fare eccezioni alle fasce salariali, perché i numeri sono strettamente determinati dal budget.

Possiamo considerare la fascia stipendiale per una posizione lavorativa particolare su tre livelli:

  • Basso (parte inferiore dell'intervallo);
  • Mediana (punto medio); e
  • Massimo (l'importo massimo che puoi aspettarti)

Ad esempio, i limiti annuali per la posizione lavorativa denominata XYZ sono:

  • €18 000 (minimo);
  • €23 000 (mediana); e
  • €27 500 (massimo).

In questo caso, l'intervallo è di €18 000 - €27 500.

Anche in questo caso, una forbice salariale garantisce a entrambe le parti una certa flessibilità. Dal punto di vista del potenziale dipendente, può scegliere la posizione lavorativa che lo soddisferà economicamente; inoltre, gli lascia un certo margine di manovra per negoziare lo stipendio. D'altro canto, il datore di lavoro sa se l'offerta fatta è ragionevole e ha un buon punto di riferimento per valutare se può permettersi di assumere quel tipo di lavoratore.

Alcuni aspetti determinano se il lavoratore riceverà un'offerta nella parte bassa della gamma o se potrà aspettarsi gli importi più alti. Questi aspetti possono essere le qualifiche, i punteggi delle recensioni, l'impegno e l'esperienza lavorativa. Alcuni risultati/successi individuali, ovviamente, aumenteranno il valore del lavoratore e, di conseguenza, miglioreranno il livello di stipendio. In generale, chi è altamente qualificato può aspettarsi pagamenti significativamente più alti rispetto a chi ha le competenze minime richieste.

Paga oraria vs. stipendio mensile

Esiste una differenza significativa nel pagamento tra i dipendenti a ore e quelli a stipendio. Primamente, il datore di lavoro paga per ogni ora lavorata, compresa lo stipendio degli straordinari 🇺🇸 (se hanno lavorato più di 40 ore a settimana o altro numero contrattuale). Per il secondo gruppo, il pagamento degli straordinari non è così ovvio e dipende dalle leggi interne del paese (o dello stato locale). Possiamo trovare molte altre differenze tra questi tipi di pagamento. Vediamone alcune.

I lavoratori pagati a ore sono compensati moltiplicando il compenso orario concordato per il numero totale di ore lavorate in un determinato periodo (ad esempio, mese, settimana o giorno). Supponiamo che il compenso orario sia pari a €14 e che il dipendente abbia lavorato 120 ore al mese (senza straordinari). Quindi, lo stipendio appare come segue — €14/ora × 120 ore = €1 680. Questo è il compenso che il lavoratore riceverà alla fine del mese.

Secondo gli la legge sugli standard di lavoro, tutti i lavoratori a ore sono non esenti e devono essere pagati per gli straordinari. Le ore di straordinario sono calcolate come 1,5 del compenso orario standard, ma possono variare a seconda delle circostanze, ad esempio se si lavora il giorno di Natale. Nel nostro esempio si ottiene €14/ora × 1,5 = €21/ora. Quindi, se il lavoratore dell'esempio precedente dovesse fare 10 ore di straordinario in più, il suo stipendio sarà di:
€14/ora × 120 ore + €21/ora × 10 ore di straordinario = €1 890.

Quanto lavora un dipendente a ore? Dipende, perché di solito non hanno un numero garantito di ore settimanali e le ore di lavoro sono determinate da un programma settimanale. Può variare molto, soprattutto quando i turni cambiano da una settimana all'altra. Questo tipo di dipendenti deve essere retribuito almeno con il salario minimo (l'importo varia da una città all'altra).

Diamo un'occhiata più da vicino ai dipendenti stipendiati. Una delle differenze principali è che hanno un livello minimo garantito di stipendio annuale. Il salario annuale viene diviso per un certo numero di periodi di paga per trovare, ad esempio, lo stipendio mensile. La stragrande maggioranza di questi lavoratori sono dipendenti esenti. Cosa significa questo strano termine?

In Italia, in base alle regole di pagamento disciplinate dal Contratto Collettivo Nazionale di Lavoro (CCNL), i lavoratori salariati non sono coperti dagli straordinari (perché per lo più sono esenti). Vale la pena ricordare che in molti paesi (compresa l'Italia) le aziende offrono ai loro lavoratori vari tipi di compensi per le ore di straordinario. Può trattarsi di denaro aggiuntivo, di permessi adeguati al numero di ore di straordinario o di altri benefit. Quando un dipendente è classificato come non esente ai sensi dei Contratto Collettivo Nazionale di Lavoro (CCNL), il datore di lavoro deve pagare:

  • 15% degli straordinari diurni;
  • 30% degli straordinari notturni o festivi; e
  • 50% degli straordinari notturni e festivi
    in più rispetto a 40 ore originali.

Ci sono alcuni lavori che fanno eccezione a questa regola (che può anche variare da una città all'altra). Per evitare malintesi, chiarisci tutti i tuoi dubbi con il Ministero del Lavoro della tua città o con la legge sul lavoro del tuo Paese.

I pro e i contro dello stipendio e della paga oraria

Consideriamo alcuni pro e contro di entrambi i tipi di impiego. Come di consueto quando si confrontano due cose, abbiamo pro e contro per ciascuna di esse. Ad esempio, se sei un dipendente con stipendio mensile, puoi contare su un maggior numero di benefici sociali, come l'assicurazione sanitaria, il congedo parentale, il piano 401(k) (una percentuale del tuo reddito lordo da versare su un conto pensionistico differito e tassabile) e i biglietti gratuiti per le istituzioni culturali. Sicuramente i lavori a tempo pieno richiedono molto più tempo, il livello di responsabilità è più alto, ma offrono la possibilità di sviluppare la propria carriera. Ciò che potrebbe essere motivante è la sensazione di stabilità, grazie alla stessa somma di denaro che ricevi ogni mese. Uno degli svantaggi principali di questo tipo di lavoro potrebbe essere quello di non essere pagato per gli straordinari, il che significa che non sarai compensato per eventuali attività extra (ma come già detto, questo può variare da paese a paese).

🙋 Sapevi che il nostro calcolatore per la pensione può aiutarti a stimare l'intervallo di risparmio mensile per una pensione confortevole? Dai un'occhiata! 😃

Uno dei vantaggi dei dipendenti a ore è che il tuo orario può essere più flessibile — non più dalle 9 alle 5, per 5 giorni alla settimana. Ciò offre una maggiore libertà e può portare a una migliore gestione del tempo. D'altro canto, se i tuoi turni settimanali sono molto irregolari, potrebbe essere frustrante perché ti senti disorganizzato. Se lavori a ore, puoi guadagnare anche di più rispetto a un lavoro a tempo pieno, soprattutto se fai molti straordinari — vieni infatti ricompensato per ogni ora di lavoro in più.

Come puoi vedere, molti aspetti dipendono da ciò che è importante per te, dal tipo di contratto che hai e da ciò che ti offre il tuo datore di lavoro in una determinata azienda. Per alcune persone, l'assicurazione sanitaria potrebbe essere più importante della flessibilità dell'orario di lavoro. Alcuni preferirebbero ricevere lo stesso stipendio mensile, una somma di denaro fissa, mentre altri preferirebbero decidere autonomamente se lavorare di più o di meno in un determinato mese, in base alle loro esigenze finanziarie 🇺🇸. Considera tutti i pro e i contro prima di scegliere tra stipendio e lavoro a ore.

💡 Il nuovo stipendio sarà sufficiente? Consulta il nostro calcolatore del budget 🇺🇸 per un calcolo dettagliato delle tue spese e dei tuoi risparmi.

Congratulazioni per il nuovo lavoro — Il momento migliore per cambiare lavoro

Le ragioni alla base di un cambio di lavoro possono essere molteplici. Alcune di esse potrebbero essere legate alla tua situazione attuale (ad esempio, esaurimento, insoddisfazione) e altre potrebbero essere esterne (riorganizzazione aziendale, tagli, etc.). Se la motivazione è personale, hai tempo per prepararti, ma se una situazione ti costringe a cambiare immediatamente lavoro — è più complicato. Tieni presente che non è sempre un buon momento per cercare un nuovo lavoro. Quando le condizioni di lavoro peggiorano rapidamente, potresti ritrovarti a "dover" cercare immediatamente un nuovo lavoro. La scelta finale di un datore di lavoro potrebbe non essere quella giusta, soprattutto quando devi accettare qualcosa di immediato invece di ciò che preferiresti. Sicuramente queste situazioni possono essere stressanti e frustranti.

Inoltre, essere alla disperata ricerca di un nuovo lavoro non ti farà fare bella figura come potenziale dipendente. Fattori come le condizioni economiche del mercato, soprattutto quando queste non sono buone, inibiscono sicuramente le aziende ad aprire nuove offerte di lavoro. Questo può causare problemi anche nella ricerca rapida di un nuovo lavoro.

Qual è la conclusione? Potrebbe non essere così ovvia. Se hai deciso di cambiare lavoro, inizia a cercarne uno nuovo quando le cose vanno ancora bene nel tuo attuale posto di lavoro. In questo modo potrai effettuare la ricerca con calma e avrai tutto il tempo necessario per trovare qualcosa di molto migliore del tuo attuale lavoro.

Altre note

Questo convertitore di stipendio è neutrale dal punto di vista fiscale — si occupa più di unità di tempo che di denaro.

Il calcolatore da paga oraria a stipendio fa lo stesso lavoro del convertitore da stipendio a paga oraria, ma i suoi campi sono riorganizzati, in modo da essere più facile per chi calcola spesso al contrario (tieni presente che entrambi i calcolatori possono farlo in entrambi i modi).

FAQ

Come faccio a calcolare la mia paga oraria a partire dal mio stipendio?

Per calcolare la tua paga oraria a partire dal tuo stipendio:

  1. Trova il numero di ore lavorate;
  2. Dividi il tuo stipendio per il numero di ore lavorate; e
  3. Il risultato è la tua paga oraria.

Ricorda che se non tieni traccia del numero di ore lavorate (magari hai uno stipendio mensile fisso), il risultato sarà approssimativo!

A quanto ammonta la mia paga oraria se il mio stipendio mensile è di 6 000 euro?

Se il tuo stipendio mensile è di €6 000, la tua paga oraria è di €34,6/h in media. Per trovare questo risultato:

  1. Trova il numero di ore lavorate in un mese. In un lavoro medio di 8 ore al giorno, lavori:
    8 × 5 × 52/12 = 173,34 ore mensili;

  2. Dividi il tuo stipendio mensile per il numero di ore lavorate in un mese:
    €6 000/173,34 h ≈ €34,6/h; e

  3. Questa è la tua paga oraria.

Posso calcolare il mio stipendio a partire dalla mia paga oraria?

Sì. Per calcolare il tuo stipendio a partire dalla tua paga oraria:

  1. Scegli per quale periodo vuoi calcolare il tuo stipendio; annuale, mensile, settimanale, etc.
  2. Trova il numero di ore lavorate. Se lavori 8 ore al giorno, 5 giorni alla settimana, lavori:
    • 8 × 5 = 40 ore settimanali;
    • 40 × 52 = 2 080 ore annue; e
    • 2 080/12 = 173,34 ore mensili.
  3. Moltiplica la tua paga oraria per il numero di ore desiderato per trovare il tuo stipendio.

Come si calcola la paga oraria?

Per calcolare la tua paga oraria, o stipendio oraria, segui questi semplici passaggi:

  1. Scegli un periodo di tempo per il quale conosci il tuo stipendio: annuale, mensile, settimanale, etc.

  2. Calcola il numero di ore lavorate. Se lavori n ore al giorno, 5 giorni alla settimana, lavori in media:

    • n × 5 ore settimanali;
    • n × 5 × 52 ore all'anno;
    • n × 5 × 52/12 ore mensili.
  3. Dividi lo stipendio per il numero di ore lavorate — il risultato è il tuo salario orario.

Mateusz Mucha, Filip Derma and Tibor Pál, PhD candidate
Annual salary
$
Monthly wage
$
Weekly wage
$
Daily wage
$
Hourly wage
$
Hours per week
Check out 44 similar tax and salary calculators 🧾
12 hour shiftAGIAlabama tax… 41 more
People also viewed…

BMR - Harris-Benedict equation

Il calcolatore dell'equazione di Harris-Benedict utilizza una delle tre formule BMR più diffuse. Conoscere il tuo BMR (metabolismo basale) può aiutarti a prendere decisioni importanti sulla tua dieta e sul tuo stile di vita.

Free fall

Il nostro calcolatore della caduta libera è utile per trovare la velocità di un oggetto in caduta e l'altezza da cui cade.

Refinance

Apply the refinance calculator to compare your current loan with a potential refinance option.

Silver melt

This silver melt calculator will help you estimate the monetary value of your silver after it has melted.